Arredare

Colori e composizioni

INNOVATION ART DESIGN - colori

“I colori, come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni.”
– Pablo Picasso –

Conoscere il significato dei colori e l’influenza che questi hanno sui nostri stati d’animo e sulle nostre emozioni ci aiuta a capire meglio noi stessi. I colori che ci circondano ogni giorno, in ogni istante sono in grado di influenzarci. Ma qual è il nostro colore preferito? La risposta può cambiare nel corso del tempo. Scegliere un colore piuttosto che un altro, esserne attratti o no, rivela molto della nostra personalità.

Nella mia pittura utilizzo i colori creando composizioni che ne esaltano la forza. L’obiettivo è di arrivare in maniera diretta, senza filtri, all’osservatore e proiettarlo subito dentro le sue emozioni. Le proprietà che ogni colore possiede possono, quindi, essere utilizzate per modificare gli stati d’animo e creare uno stato di benessere psicofisico.

 “Ogni nuovo mattino, uscirò per le strade cercando i colori.”
– Cesare Pavese –

La frequenza del colore 
Ogni colore ha frequenze specifiche e ha il potere di alterare o riequilibrare il nostro livello di benessere. Ogni elemento nel nostro pianeta emette una frequenza e i colori, in particolare, sono frequenza luminosa in grado di influenzare il nostro campo di energie. Siamo immersi in un campo di onde elettromagnetiche, e corpo, pensieri ed emozioni interagiscono con la frequenza delle  vibrazioni con cui vengono in contatto. Ogni colore è anche associato a specifiche funzioni emotive, come definito dalla psicologia del colore. Ad ogni colore quindi corrisponde una parte del nostro essere: fisicità,  relazioni, autostima, emotività, comunicazione, creatività, spiritualità. Conoscere e capire questi fenomeni permette di entrare in contatto con una parte di te sconosciuta o che sta soffrendo, e ti può aiutare a seguire un percorso evolutivo di consapevolezza. La frequenza del colore è quindi uno strumento che consente di usare i colori in diverse forme per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio.

La cromoterapia
La cromoterapia è una pratica di cura con l’ausilio del colore. Considerata una pseudoscienza dalla medicina tradizionale, è applicata e studiata da tempi remoti in tutto il mondo, in Oriente e in Occidente, e insegna come i colori possono essere utilizzati per ottenere benessere e sollievo.

Dall’avvento delle antiche civiltà, il colore è stato utilizzato con valenze simboliche, magiche e curative, in una visione che mette in relazione il piccolo mondo dell’uomo, il microcosmo, con l’Universo, il macrocosmo. Le grandi intuizioni del passato sono rivitalizzate nelle concezioni contemporanee dell’utilizzo del colore che, certo, non ignorano le scoperte della scienza moderna. La complessa relazione tra spirito, mente e corpo, può essere infatti tradotta come la relazione tra informazione, energia e materia. Parlare allora di “onde stimolanti” del colore, significa comprendere che siamo fatti di energia in movimento, e che l’esistente vibra a determinate frequenze. La luce è un’energia fondamentale per la vita e il colore ne è una sua manifestazione.

La cromoterapia considera l’individuo come l’insieme di spirito, psiche e corpo e studia il significato dei colori e i loro effetti nei processi fisici e psichici in questo insieme.

Tra i più antichi sistemi di conoscenze mediche, oggi annoverato tra le cosiddette medicine alternative, troviamo l’Ayurveda, ancora oggi radicato in tutta l’India e diffuso nei paesi occidentali. Nelle filosofie orientali e nella cultura indiana, informata alla medicina tradizionale, la salute è considerata uno stato di benessere integrale, dove ogni aspetto della vita dell’organismo, fisico e psichico, è in equilibrio costante e la malattia, condizione innaturale della vita, è al contrario l’espressione di una frammentazione e di un disequilibrio. Nella medicina ayurvedica i chakra sono i centri di energia presenti nel corpo umano che presiedono alle funzioni organiche, psichiche ed emotive dell’individuo e hanno una precisa corrispondenza con i colori. L’interazione con i colori conduce a riequilibrare i centri energetici e a ristabilire una condizione di armonia psicofisica. I principali chakra sono associati ai sette colori dell’arcobaleno.

  Il rosso corrisponde al Muladhara o “chakra della radice”, che ha sede nel plesso coccigeo e controlla l’energia vitale per alimentare il funzionamento del corpo fisico e garantirne la sopravvivenza. Svadhistana o “chakra sacrale”, ha le frequenze del colore arancione. Si trova nella zona del plesso sacrale, alla base degli organi sessuali. È collegato al piacere, alle emozioni e all’energia sessuale. Il giallo è il colore “del plesso solare” e si chiama Manipura. L’energia veicolata da questo centro, posto tra l’ombelico e lo sterno, sostiene il pragmatismo e la volontà dell’individuo nel suo rapporto con il mondo materiale. Anahata è il nome del centro energetico del cuore che alimenta i sentimenti di amore e amicizia, mantenendo in equilibrio i rapporti con gli altri e con se stessi. Il suo colore è il verde. Al ”chakra della gola”, Vishuddha, è associato l’azzurro. La capacità creatività e la capacità espressiva in generale sono alimentate da questo canale energetico che si trova nella zona della laringe. Il violetto appartiene a Ajna,  “il terzo occhio”, e si colloca precisamente sulla nostra fronte in mezzo alle due sopracciglia, collegato alla ghiandola pineale, all’interno del nostro cervello. L’energia di questo chakra risolve la dualità presente nell’uomo e nel mondo, sviluppando una visione che armonizza gli opposti. Sopra il nostro capo, come una corona, il bianco, che contiene tutti i colori. Questo chakra si chiama Sahasrara e rappresenta il contatto con il cielo. Presiede alle funzioni della ghiandola pineale, come Ajna, e della corteccia cerebrale. Il suo sviluppo porta alla percezione dell’armonia del tutto.

Sono poi diversi i modi con cui i colori risuonano con noi. La loro figurazione nelle pratiche di meditazione indiana e orientale stimola i flussi di energia nei diversi campi dei chakra. Ma i colori interagiscono con il nostro spazio fisico e mentale in molti modi, attraverso gli abiti che indossiamo, il colore delle pareti degli ambienti dove viviamo e lavoriamo, i colori dei mobili che arredano le nostre case. La natura stessa ci offre continuamente questa relazione, quando ci perdiamo nel rosso di un tramonto, nell’azzurro profondo del mare, o passeggiamo in un bosco in autunno. E persino i cibi veicolano colori e le loro proprietà, perché mangiando ci nutriamo anche dell’arancione di una carota o del verde degli spinaci. L’attenzione al colore dei cibi e alla loro alternanza è oggi un indicazione preziosa per un’alimentazione salutare.

Ma cos’è il colore?
Nella nostra quotidianità ci riferiamo ai colori come a una caratteristica propria degli oggetti: un abito è giallo, la foglia è verde, l’automobile blu e il cielo azzurro.  In realtà sappiamo che non è così, il colore è una percezione visiva soggettiva ed è causata da una fonte, la luce. Senza luce il colore non esiste. Gli oggetti artificiali, come una lampadina, o naturali, come il sole, sono fonti di radiazioni elettromagnetiche, cioè luce, e ci sono oggetti che assorbono queste radiazioni e che in parte le riflettono. I nostri occhi sono in grado di percepire i colori che altro non sono che le diverse lunghezze d’onda della luce riflesse dagli oggetti e percepite dalla retina dell’occhio che trasmette un segnale al nostro cervello. Possiamo dire che il colore è “luce colorata”, è energia percepita dal nostro sistema visivo.

Il significato dei colori tra chakra e psicologia del colore.

Il viola è per le persone vive, attive che amano le forti esperienze e ricercano sensazioni uniche. E’ il colore dell’unione degli opposti, dei cambiamenti, dei passaggi importanti. Chi preferisce questo colore non ha paura di niente. Generalmente sono persone molto comunicative, empatiche che si trovano bene con il prossimo grazie alla grande attitudine alle relazioni. È il colore associato al settimo chakra ed è indicato per la meditazione profonda.

L’indaco è un colore molto profondo. E’ il colore dell’ascolto interiore. Chi è attratto da questo colore è una persona concreta con capacità di analisi oggettive e critiche in grado di osservare attentamente le cose e  di comprendere bene la realtà intorno. È molto probabile che queste persone siano in pace con se stesse con un invidiabile senso di appagamento della vita.

Il blu è un colore calmante e rinfrescante associato al relax e alla tranquillità. E’ un colore che aiuta a dimenticare i problemi e a staccare la mente che spesso ci condiziona. Il blu è anche associato al mondo della comunicazione e ad una particolare predisposizione per l’ascolto soprattutto del proprio intuito. Le persone che amano il  colore blu sono generalmente persone dai sentimenti profondi, serene ed equilibrate.

Il verde è il colore della natura per cui è facile capire quali caratteristiche abbia. Armonia ed equilibrio. Simboleggia anche la speranza, la pace, il rinnovamento. Chi ama il colore verde è una persona calma, amante della stabilità e poco incline agli imprevisti perché è un colore neutro, rilassante, che favorisce la riflessione, la calma, la concentrazione. Chi ama il verde può scoprire di possedere una buona di relazione con se stesso e con gli altri e di essere dotato di una notevole  autostima.

Il giallo è il colore dell’energia mentale e fisica e viene associato alla parte sinistra del cervello, al lato intellettuale. Chi preferisce questo colore è una persona estroversa, amante del cambiamento e dotato di grande immaginazione. È considerato un colore protettivo, concreto e affidabile, è associato alla felicità, alla saggezza e alla fantasia. È un colore che mette buon umore che genera energia. Il giallo è un colore di per sé molto positivo ed è in grado di stimolare la razionalità e l’attività mentale ed è sinonimo di fiducia e sicurezza.

L’arancione è un colore che amo particolarmente. E’ il colore della creatività artistica e sessuale. E’ il colore delle  persone generalmente  ottimiste, che nutrono fiducia in se stesse e che hanno molte coscienza delle proprie capacità. In breve possiamo dire che l’arancione ha un’influenza importante sulle funzioni fisiche e mentali, lavora sull’energia positiva, inducendo serenità, entusiasmo, allegria, voglia di vivere, ottimismo, positività dei sentimenti. Questo colore agisce sulla nostra vitalità, ci libera inoltre da sintomi depressivi e ci aiuta ad affrontare nel modo corretto le avversità della vita senza condizionamenti. Simbolo per eccellenza della fertilità, è collegato al secondo chakra e governa l’istinto sessuale di riproduzione ma più in generale si riferisce alla salute fisica. In breve, il colore arancione è simbolo di armonia interiore, di fiducia in se stessi e negli altri.

Il rosso è il colore della passione e del potere, ha valenze sia positive che negative. Con il rosso si parla di energia, di competizione, di emozioni forti, di eccitazione, di continuo movimento. Chi preferisce questo colore ha una personalità dotata di grande forza e ama la competizione. Da un lato il rosso è il colore dell’amore, dall’altro è il colore del fuoco. Rappresenta anche la gioia, la festa, l’eccitazione sessuale, il sangue e le passioni violente. Il rosso rappresenta il primo chakra, che è il simbolo del radicamento e degli aspetti più materiali della vita. Anche il colore rosso stimola la creatività ed è amato generalmente delle persone che hanno fiducia in se stesse.

La vista è un senso predominante.
Ciò che vediamo può influenzare il nostro sentire. Proprio per questo le opere che abbiamo scelto di inserire in questo catalogo on line sono accuratamente selezionate per avere un colore predominante e una composizione ricercata per guidare le emozioni di chi osserva.

Dopo aver letto l’articolo e avendo approfondito il significato dei colori, sarà spero più facile capire perché in opera vi attira rispetto ad un’altra, in base alla vita che state vivendo in questo momento, al vostro carattere, al vostro umore e, naturalmente, in base al vostro gusto e senso estetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *